Chi è

enrico grandesso

 

Enrico Grandesso, scrittore e studioso di letteratura, ha origini familiari veneziane. Si è due volte laureato all’Università degli studi di Urbino (oggi “Carlo Bo”), dove ha tenuto seminari e ha preso parte per oltre vent'anni all'attività della cattedra di Letterature Comparate (la prima istituita in Italia). Ha inoltre collaborato con cattedre letterarie e umanistiche di altri atenei, tra cui Padova, Pavia e la Tuscia e ha insegnato per quattro anni (1991-95) come docente a contratto all'Università degli studi di Trento. Dirige una collana di ricerche letterarie per la Marsilio. E' nel comitato di redazione della rivista di cultura internet "Amicando Semper".

E’ socio del P.E.N. Club e dell’A.I.S.L.L.I. (Associazione internazionale studiosi di lingua e letteratura italiana). 

E' organizzatore di successo, dal 1990, di convegni di studi nazionali e internazionali, di rassegne ed eventi culturali. Critico letterario e giornalista pubblicista, collabora dal 1992 con varie testate-stampa cartacee, internet e radiofoniche e con riviste di cultura; ha pubblicato oltre 800 articoli.  

E' autore radiofonico per RadioRAI e autore teatrale. Il suo primo spettacolo, Vozi dal mar e dala tera, messo in scena da Pino Costalunga è stato rappresentato nel Triveneto, a Roma e in Messico tra il 2001 e il 2015, con oltre 40 repliche. Altri suoi spettacoli: Come el vento ne la laguna (regia di Pino Costalunga, 2002-2006) e Schei, tera e memoria, curato dal Cantiere Teatrale Nautilus (in scena nel biennio 2012-13). Il suo ultimo testo teatrale, Come disse il gatto al sorcio, è disponibile su internet.

Diramato in attività poliedriche, il suo lavoro ha ricevuto dal 1985 ad oggi prestigiosi riscontri e apprezzamenti e numerose recensioni. I suoi saggi sono in molte biblioteche italiane e straniere, tra cui quelle delle università della Sorbona, di Oxford, Edimburgo, Heidelberg, Monaco, Tokyo, Princeton, Harvard e alla Library of Congress di Washington DC.

E' uscito a nel settembre 2018 I dettagli sono importanti. Dodici racconti italiani, pubblicato dalla Biblioteca dei Leoni. Prima presentazione nazionale: mercoledì 26 settembre 2018 alla Biblioteca Civica "G. Tartarotti" di Rovereto. Sono seguite le presentazioni a Padova, nella rassegna di cultura internazionale "La fiera delle parole", a Trieste, al Lido di Venezia, a San Polo di Piave (in sede privata), a Treviso, a Camposampiero (dove ha ricevuto dal Sindaco una targa-premio), a Trento, in Vallarsa e a Pieve di Cadore, nella rassegna "Boschi di carta", ad Abano Terme, a Maserada sul Piave e ad Adria. Il libro è stato segnalato/recensito da diverse testate-stampa, tra cui "Avvenire", "Il Piccolo", "L'Adige", "Il Trentino", "Vita Trentina", "Il Corriere del Trentino", "L'Arena", "Il Giornale di Vicenza", "Brescia Oggi", "Il Mattino di Padova", "Il Messaggero di Sant'Antonio", "Radio Cooperativa", "L'Adigetto.it", "Literary.it" (5 recensioni!) e le riviste di cultura cartacee "Qui Libri" e "La Battana" (pubblicata a Fiume) e, internet, "Amicando Semper" e "Fare Voci". 

E' stato nello scorso ottobre l'organizzatore scientifico, con Alessandro Ceradini e Annamaria Raciti, della rassegna culturale Ribelli e Testimoni, svoltasi in quattro incontri a Rovereto.  

 

Fotografia di Margherita Pevere, 2010  

 

 

 

Copyright© Enrico Grandesso. Tutti i diritti riservati.

 

Enricograndesso.it utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie CLICCA QUI